giugno 27, 2017 9:00 am

 Quali materiali si usano in odontoiatria cosmetica (SBIANCAMENTO DENTALE)?

Le procedure di sbiancamento dei denti naturali prevedono l’uso di sostanze chimiche quali il perossido di idrogeno e di carbammide, che, applicate a concentrazioni specifiche sulla superficie dei denti liberano ossigeno disgregando le pigmentazioni.

Un tempo di azione eccessivamente lungo o il contatto accidentale con la gengiva possono portare complicanze temporanee quali un aumento della sensibilità o ustioni superficiali della gengiva che si risolvono comunque nel giro di pochi giorni.

Quali materiali si usano in odontoiatria estetica (FACCETTE/CORONE)?

Uno degli elementi fondamentali che hanno contribuito all’evoluzione dell’attuale terapia odontoiatrica ricostruttiva è costituito dall’introduzione dei nuovi materiali ceramici privi di metallo caratterizzati da un elevato livello di estetica e di biocompatibilità.

Questi materiali sono principalmente rappresentati dalla zirconia e dal disilicato di litio.

La zirconia presenta un livello di resistenza molto elevato ed è particolarmente adatta alla realizzazione di ponti sia su denti che su impianti. Tra i vantaggi di questo materiale vi sono l’assenza del grigio tipico dei tradizionali restauri in metallo-ceramica ed un’elevata biocompatibilità, grazie anche alla limitata adesione batterica di superficie.

Il restauro totale o parziale  del dente singolo trova invece un’indicazione ideale nell’utilizzo del disilicato di litio, una vetroceramica rinforzata che associa una buona resistenza meccanica ad un ottimo livello di estetica. Il principale vantaggio di questo materiale è la possibilità di creare un restauro che può essere “incollato” alla struttura residua del dente danneggiato ripristinando la sua normale anatomia. In questo modo il team dentista-odontotecnico può ricreare la forma e l’estetica degli elementi dentari in modo estremamente conservativo evitando, in molti casi, di limare ulteriormente il dente per poterlo ricoprire come si faceva con le tradizionali corone in metallo-ceramica.

Trattandosi di una vetro-ceramica il materiale è inerte, non crea allergie, presenta una limitata adesione batterica superficiale ed è di conseguenza molto biocompatibile.

Il disilicato di litio può essere lavorato sia con metodiche tradizionali di pressatura, partendo da una modellazione in cera, sia,  con le innovative tecniche CAD CAM (Computer Aided Design-Computer Aided Manufactoring), e può essere utilizzato per restauri a tutto spessore (monolitici) o come struttura portante per la ceramica in restauri stratificati o parzialmente stratificati, privilegiando nel primo caso la robustezza, nel secondo caso la resa estetica.

E’ fondamentale che la gestione dei nuovi materiali in ceramica sia affidata a professionisti competenti per garantire il successo a lungo termine delle ricostruzioni. Sia il dentista che l’odontotecnico devono conoscere in modo approfondito le modalità di lavorazione in laboratorio e di applicazione nella bocca dei pazienti per poter realizzare un lavoro estetico e resistente nel tempo.

Per quanto riguarda il disilicato di litio risultano di estrema importanza per la durata nel tempo:

–       la corretta esecuzione delle procedure di “limatura” del dente, con il rispetto degli spessori minimi e massimi (fondamentale per questo scopo lo studio del caso tramite una ceratura ed un restauro provvisorio corretto, soprattutto nelle zone estetiche).

–       la scelta del materiale da cementazione ed il rigoroso rispetto delle procedure, infatti uno dei punti di forza del disilicato è la possibilità di essere “incollato”, e dal momento che le procedure adesive sono estremamente delicate e sensibili il mancato rispetto delle indicazioni e delle regole potrebbe dar luogo ad un fallimento precoce, particolarmente in caso di restauri parziali.

In conclusione possiamo affermare che il disilicato di litio è un materiale che unisce caratteristiche estetiche e di resistenza che lo rendono utilizzabile in odontoiatria estetica non solo nei settori anteriori ma anche nei settori latero posteriori della bocca. E’ un materiale che consente, cementato adesivamente, di ottimizzare la funzione e l’estetica anche in spessori molto sottili con un notevole risparmio di tessuto dentale grazie a preparazioni molto conservative.

beforeafter beforeafter

giugno 27, 2017 9:00 am

What materials are used in cosmetic dentistry?

The natural teeth whitening procedures include the use of chemicals such as hydrogen peroxide and carbamide, which, applied to specific concentrations on the surface of the teeth release oxygen disintegrating pigmentations.
An excessively long and accidental exposure time with the gum can lead temporary complications such as increased sensitivity or superficial burns of the gingiva that is still resolved within a few days.

What materials are used in aesthetic dentistry?

One of the key elements that have contributed to the evolution of the reconstructive dental therapy is the introduction of new metal-free ceramic materials characterized by a high level of aesthetics and biocompatibility.
These materials are mainly represented by zirconia and lithium silicate.
The zirconia presents a very high resistance level and is particularly suitable for the production of bridges on both teeth on implants. Among the advantages of this material are the absence of gray typical of traditional metal-ceramic restorations and high biocompatibility, thanks also to the limited bacterial adhesion to the surface.
The total or partial restoration of a single tooth located instead ideal indication in the use of lithium disilicate, a reinforced glass ceramic which combines a good mechanical resistance to a very good level of aesthetics. The main advantage of this material is the ability to create a restoration that can be “glued” to the remaining structure of the damaged tooth restoring its normal anatomy. In this way the dentist-dental technician team can re-create the form and aesthetics of the dental elements in extremely conservative manner avoiding, in many cases, to further polish the tooth to be able to occupy, as was done with the traditional metal-ceramic crowns.
Since this is a the glass-ceramic material is inert, does not create allergies, it presents a limited surface to bacterial adhesion and is therefore very biocompatible.
The lithium disilicate can be worked with both traditional pressing methods, starting from a wax model, it is, with the CAD-CAM techniques innovative (Computer Aided Design-Computer Aided Manufacturing), and can be used to restore full thickness (monolithic ) or as a supporting structure for the ceramic laminated or partially laminated restorations, favoring in the first case the robustness, in the second case the yield aesthetic.

It ‘important that the management of new ceramic materials is entrusted to competent professionals to ensure the long term success of the reconstructions. Both the dentist and the dental technician must thoroughly know how they are processed in the laboratory and application of patient’s mouth in order to achieve an aesthetic work and durable.

Regarding the lithium disilicate are of extreme importance for the duration in time:

– The correct execution of the procedures of “filing” of the tooth, with the respect of the minimum and maximum thicknesses (essential for this purpose the study of the case by a waxing and a correct temporary restoration, especially in the esthetic zone).

– The choice of the cementation material and the strict respect of procedures, in fact one of the disilicate strengths is the ability to be “glued”, and since the adhesive procedures are extremely delicate and sensitive non-compliance with the instructions and rules could lead to premature failure, particularly in case of partial restorations.

In conclusion we can state that the lithium disilicate is a material that combines aesthetic characteristics and resistance that make it usable in cosmetic dentistry not only in the anterior region but also in the posterior lateral areas of the mouth. It ‘a material that allows, adhesively cemented, to optimize the function and aesthetics even in very thin layers with a considerable saving of tooth structure thanks to very conservative preparations.

beforeafter beforeafter

giugno 20, 2017 9:00 am

What is cosmetic dentistry and how does it differ from that cosmetic?

In dentistry, aesthetics is the set of theories which go back to the concept of “beauty” on the appearance of a prosthetic restoration achieved through the creation of forms and ideal colors. Aesthetics is a set of objective and subjective elements, governed by the principles on which are based the concepts of beauty and attractiveness.

A distinction, more academic and clinical, between aesthetics and cosmetic dentistry can be made cosmetic dentistry meaning that portion of therapies that have only one objective, improving the appearance of one or more dental elements, oral tissue and / or perioral ; for cosmetic dentistry instead we can understand the study and implementation of dental restorations which, although made necessary by dental problems such as fractures, tooth decay or lack of teeth, ripristinino or improve the aesthetic appearance.

Wanting to be strict, the concept of cosmetic dentistry pertains all prosthetic therapy, whereas the objective should always be to obtain, in addition to a function and an optimal biology, also look nice.

Teeth whitening (COSMETIC DENTISTRY ) damages teeth? And ‘long-lasting?

First teeth whitening must be made only after a thorough examination of the dentist, and only through the use of certified products.

Although the procedure can also be made at home level via custom templates, to prevent complications and achieve maximum effectiveness of the treatment is advisable that the bleaching is carried out in a dental office specialized personnel which the ‘dental hygienist or dentist same who will pay the utmost attention to protect the gingival tissues and observe concentrations and time of product application.
With these assumptions, we can say that professional teeth whitening has no or ruined tooth enamel and can therefore be considered a safe practice. However, the effectiveness and the duration of the result are variable from case to case according to the characteristics of the dental elements, age and the diverse patient habits (smoking, coffee, wine, foods pigmenting … etc.).
The bleaching is not an absolutely unique and definitive treatment but the maintenance of a high white level of its toothing provides for repeated treatments at specific intervals for each patient.

What are dental veneers? (AESTHETIC DENTISTRY )
The ceramic facet is a clinical technique to correct or improve the shape and the color of natural teeth.
They can be used to change the alignment of the teeth, the shape or the color, or even in case of teeth with fillings extended to replace.
You can be used on individual teeth or groups of teeth, after a careful study of the patient’s needs and the possibility of realization.
It is a cosmetic dental treatment that involves the fabrication of very thin ceramic restorations, a few tenths of mm, which are glued with a very accurate adhesive technique placing the maximum attention to the various stages of conditioning the surfaces of both the tooth restoration and with an absolute moisture control.
If all the steps are respected and carried out with great care there is no risk of delamination or decementazioni. In some cases where it is necessary to increase the thickness of the natural tooth enamel or close the spaces you can paste the veneers without grinding the tooth. In these cases it is not necessary to administer the anesthesia.
In other cases where you need to change the shape of the original teeth it is necessary to remove a part of the enamel and to the dentin times until a thickness of about 1 mm only on the outer surface and in these cases the anesthesia is required. In any case, once you cemented if the procedure was successful not any residual sensitivity.
What indications have  dental veneers?
The indication to the application of veneers and esthetic restorations in general comes from a careful study of the case, which must be run together clinically and by the dental technician, who will discuss with the patient’s needs, desires and possibilities, when and how to implement them.
Only with deep insight into the patient’s wishes you can meet demand “aesthetic” subjective.

The aesthetic results will be stable over time?
Yes, I can. The stability of a cosmetic result depends on both the preservation of oral health that the correct application of the prosthetic restoration and the controls necessary for its “testing.”
Many crowns and bridges are realized by the application of a more delicate aesthetic material above robust support structures that need to be appropriately scheduled.
Ceramics maintained over time many of its aesthetic characteristics, while other materials may undergo changes.

beforeafter beforeafter

giugno 20, 2017 9:00 am

Cos’è l’odontoiatria estetica ed in cosa si differenzia da quella cosmetica?

In odontoiatria, l’estetica è l’insieme di teorie che si rifanno al concetto di “bellezza”, relativo all’aspetto di un restauro protesico ottenuto attraverso la creazione di forme e colori ideali. L’estetica è un insieme di elementi oggettivi e soggettivi, regolati dai principi sui quali si fondano i concetti di bellezza e di attrattività.

Una distinzione, più accademica che clinica, tra estetica e cosmetica in odontoiatria può essere fatta intendendo con odontoiatria cosmetica quella parte di terapie che hanno come unico obiettivo, il miglioramento dell’aspetto di uno o più elementi dentali, dei tessuti orali e/o periorali; per odontoiatria estetica invece si può intendere lo studio e la realizzazione di restauri dentali che, pur resi necessari da problemi dentali come fratture, carie o mancanza di denti, ripristinino o migliorino l’aspetto estetico.

A voler quindi essere rigorosi, il concetto di odontoiatria estetica pertiene tutte le terapie protesiche, considerando che l’obiettivo dovrebbe sempre essere l’ottenimento, oltre che di una funzione e di una biologia ottimali, anche di un aspetto gradevole.

Spesso in uno stesso paziente la cosmetica e l’estetica si sovrappongono, e la distinzione tra le due discipline diventa filosofica. Si parla di odontoiatria cosmetica negli sbiancamenti di denti pigmentati, o nell’applicazione di “piercing” dentali, o nelle plastiche additive o sottrattive di elementi malformati. Quando però la plastica dentale ripristina anche la funzione (per esempio ricostruendo una guida canina o incisale) la stessa terapia può essere inscritta nel perimetro dell’odontoiatria estetica.

Lo sbiancamento dentale ( ODONTOIATRIA COSMETICA)danneggia i denti? E’ duraturo?

Innanzitutto lo sbiancamento dentale deve essere effettuato solo dopo una visita accurata dell’odontoiatra e solo mediante l’utilizzo di prodotti certificati.

Nonostante la procedura possa essere realizzata anche a livello domiciliare per mezzo di mascherine personalizzate, per evitare complicanze ed ottenere la massima efficacia del trattamento è consigliabile che lo sbiancamento venga effettuato presso uno studio dentistico da personale specializzato quale l’ igienista dentale o l’odontoiatra stesso che presteranno la massima attenzione nel proteggere i tessuti gengivali e nel rispettare le concentrazioni ed i tempi di applicazione dei prodotti.

Con questi presupposti possiamo affermare che lo sbiancamento dentale professionale non altera o rovina lo smalto dei denti e si può quindi considerare una pratica sicura. Tuttavia l’efficacia e la durata del risultato sono variabili da caso a caso in base alle caratteristiche degli elementi dentali, all’età e alle diverse abitudini dei pazienti (fumo, caffè, vino, alimenti pigmentanti…ecc. ).

Lo sbiancamento non rappresenta assolutamente un trattamento unico e definitivo ma il mantenimento di un livello di bianco elevato della propria dentatura prevede trattamenti ripetuti ad intervalli specifici per ogni paziente.

Cosa sono le faccette?(ODONTOIATRIA ESTETICA)

La faccetta in ceramica rappresenta una metodica clinica per correggere o migliorare la forma ed il colore dei denti naturali.

Possono essere usate per modificare l’allineamento dei denti, la forma o il colore, o anche in caso di denti con otturazioni estese da sostituire.

Si possono usare su denti singoli o su gruppi di denti, dopo un attento studio delle esigenze del paziente e delle possibilità di realizzazione.

Si tratta di un trattamento di estetica dentale che prevede la realizzazione di restauri in ceramica molto sottili, pochi decimi di mm, che vengono incollati con una tecnica adesiva molto accurata ponendo la massima attenzione alle varie fasi di condizionamento delle superfici sia del dente che del restauro e con un assoluto controllo dell’umidità.

Se tutti i passaggi vengono rispettati ed eseguiti con la massima cura non vi è rischio di distacchi o decementazioni. In alcuni casi laddove è necessario incrementare lo spessore dello smalto del dente naturale o chiudere degli spazi è possibile incollare delle faccette senza limare il dente. In questi casi non è necessario somministrare l’anestesia.

In altri casi dove bisogna modificare la forma dei denti originali è necessario asportare una parte dello smalto e a volte della dentina fino a spessori di circa 1mm solo sulla superficie esterna e in questi casi l’anestesia è necessaria. In ogni caso una volta cementate se la procedura è stata eseguita correttamente non residua alcuna sensibilità.

Quali indicazioni hanno le faccette?

L’indicazione alla applicazione di faccette e di restauri estetici in generale deriva da un attento studio del caso, che deve essere eseguito insieme dal clinico e dall’odontotecnico, che con il paziente discuteranno le sue esigenze, i suoi desideri e le possibilità, i tempi e i modi per realizzarle.

Solo comprendendo a fondo i desideri del paziente si potrà soddisfarne la domanda “estetica” soggettiva.

I risultati estetici saranno stabili nel tempo?

Si, lo possono essere. La stabilità di un risultato estetico dipende sia dalla preservazione della salute del cavo orale che dalla corretta applicazione del restauro protesico e dai controlli necessari per il suo “collaudo”.

Molte corone e ponti sono realizzati mediante l’applicazione di un materiale estetico più delicato al di sopra di robuste strutture di sostegno che devono essere opportunamente pianificate.

La ceramica mantiene nel tempo molte delle sue caratteristiche estetiche, mentre altri materiali possono andare incontro a variazioni.

beforeafter beforeafter

giugno 13, 2017 9:00 am

The anxiety and the pain of the patient are the two real clinical problems of dental clinics, always there but invisible More Often To the eyes.

Representing the cause absolutely More Frequent of Medical Emergencies What Can Meet In Dental Clinic Business and constitute a source of stress for the dentist and the study staff.

The anxiety Management and Patient pain is an INDISPENSABLE requirement to perform dental interventions in Maximum Security and becomes an effective communication channel for the profession.

The sedation protocol anxiolytic Proposed by Prof. John Manani and used for many years at Our Studio, is now a modern and valuable tool a dentist arrangement.

This anxiolytic can Being conducted completely independently by the trader uses the Use of benzodiazepines (eg Valium) What are administered to the patient orally and intravenously and titrated to the base of Subjective Response What is controlled Through the multifunctional monitor.

The anterograde amnesia That is associated with treatment is a further advantage of the Procedure anxiolytic That ensures the dental team Elevated levels of security, high operating comfort and maximum pleasure for the patient.

This is the secret to have not traumatized and Happy Patients  after The surgeries performed.

 

img_1497

giugno 13, 2017 8:00 am

L’ansia e il dolore del paziente sono i due reali problemi clinici dello studio odontoiatrico, sempre in agguato ma spesso invisibili agli occhi dei più.

Rappresentano la causa assolutamente più frequente delle emergenze mediche che si possono incontrare nello studio odontoiatrico e costituiscono fonte di stress lavorativo per l’odontoiatra e il personale dello studio.

La gestione dell’ansia e del dolore del paziente costituisce un requisito indispensabile per effettuare interventi odontoiatrici in massima sicurezza e diventa un canale efficace di comunicazione per la professione.

Il protocollo di sedazione ansiolitica proposto dal Prof. Giovanni Manani e utilizzata da molti anni presso il nostro Studio, rappresenta oggi un moderno e valido strumento a disposizione dell’odontoiatra.

Questa tecnica ansiolitica può essere condotta in totale autonomia dal professionista e si avvale dell’uso di benzodiazepine (es Valium) che vengono somministrate al paziente per via orale ed endovenosa e titolate in base alla risposta soggettiva che viene controllata attraverso monitor multifunzionali.

L’amnesia anterograda che si associa al trattamento rappresenta un ulteriore vantaggio della metodica ansiolitica che assicura al team odontoiatrico livelli elevati di sicurezza, alto comfort operativo e massimo gradimento per il paziente.

Questo e’ il segreto per avere pazienti non traumatizzati e felici dopo gli interventi chirurgici eseguiti.

img_1497